Realme Buds Air ufficiali: design, caratteristiche e prezzo

Dopo un primo teaser da parte dei pezzi grandi di Realme siamo venuti a conoscenza del possibile prezzo delle Realme Buds Air, le ptime cuffie TWS dell’omonimo brand. Ieri, a un giorno dalla presentazione ufficiale, il CEO Madhav Sheth ha detto tramite Twitter che non è mai buono fidarsi dei leaks (riferendosi al prezzo delle cuffie) e aveva ragione. Infatti, le Buds Air hanno un prezzo minore rispetto a quello apparso giorni fa su Flipkart e questo sarà uno dei motivi che le porteranno a essere tra le migliori cuffie true wireless in circolazione. Ad aggiungersi al prezzo abbiamo il design minimal e le caratteristiche da device di alta fascia.

Realme Buds Air ufficiali: design, caratteristiche e prezzo

A presentarle in India durante la conferenza dedicata anche al Realme X2, è stato Sreehari, product manager di Realme India. Il pezzo da novanta del brand ha iniziato con un breve storico delle cuffie lanciate dal brand fino ad ora. Siamo passati dalle Realme Buds, alle Realme Buds 2 fino ad arrivare alla terza edizione ovvero le Realme Buds Wireless con filo, dedicate agli sportivi.

realme buds air tws

Con le nuove cuffie il brand ha fatto un grosso passo in avanti definendo la tecnologia a bordo davvero rivoluzionaria per la fascia di prezzo. Ma vediamo le caratteristiche che rendono uniche queste cuffie:

  • open-up auto connection: una volta che il cofanetto di ricarica delle Buds Air sarà aperto, il nostro smartphone riconoscerà in maniera automatica ma soprattutto immediata che queste sono nelle vicinanze. Ne consegue che si connetterà da solo. Un’altra cosa molto interessante relativa alla connessione tra devices è la tanto amata finestra pop-up in stile Apple che apparirà ogni volta che vorremo collegare le cuffie a un dispositivo nuovo;
  • latenza: uno dei problemi più lamentati dagli utenti è proprio la latenza. Quante volte è capitato di giocare o vedere un film e di scoprire che audio e video non vanno di pari passo? Ebbene, con il processore R1 a bordo di queste cuffie la latenza è ridotta davvero al minimo e non ci saranno più problemi del genere. Per chiarezza: le AirPods hanno una latenza (dati alla mano) di 204 ms mentre le Realme Buds Air hanno una latenza di soli 120 ms
    .
  • cancellazione del rumore: un’altra feature che ormai è diventata necessaria per delle cuffie di ottima qualità. Le nuove cuffie sono dotate di due microfoni: uno registrerà la nostra voce mentre l’altro i rumori dell’ambiente. Insieme riusciranno a far sì che i rumori in entrata durante le chiamate non interferiranno con la voce del nostro interlocutore o la nostra. Il tutto è supportato da un driver per i bassi di ultima generazione che misura solamente 12 mm;
  • sensore ottico: sulle cuffie è montato un sensore ottico in prossimità del foro di uscita del suono, che permetterà di mettere automaticamente in pausa la musica quando si tolgono dalle orecchie. Anche questa è una feature che ormai è diventata indispensabile.
  • gestures: anche queste sono diventate obbligatorie per prodotti di buona fattura. Le Realme Buds Air integrano anche delle gestures con cui possono essere comandate. Con un doppio tap si mette in pausa o in play la musica e si risponde alle chiamate. Con un triplo tap si passa alla canzone successiva della playlist. Infine, con un tap singolo prolungato potremo chiudere la chiamata e accedere all’assistente vocale. La “Gaming Mode” è una prerogativa delle nuove cuffie: facendo un tap lungo su entrambe le cuffie entreremo in questa modalità completamente immersiva.
  • autonomia: per quanto riguarda l’autonomia le cuffie non scherzano. Per un singolo uso parliamo di 3 ore di autonomia mentre finendo la ricarica nel cofanetto possiamo utilizzarle per un totale di 17 ore.

gestures buds air

  • batteria e ricarica: purtroppo non è stato annunciato quanti mAh hanno le cuffie ma sappiamo una cosa ben più interessante. Sono dotate di rircarica wireless e quindi è possibile utilizzare o il caricabatterie proprietario da 10W (in uscita a breve) oppure qualsiasi altro dispositivo simile.
  • prezzo: come annunciato in precedenza, il prezzo non è di 4999 rupie indiane al cambio attuale 63 € circa, bensì 3999 rupie indiane, cioè 50€ tondi tondi. Niente male vero?
0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] che viene in linea con tutti quei “micro-brand” legati ad anziende più grandi, come Realme e Oppo, che proprio in questo momento hanno deciso di presentare lo stesso tipo di […]