Realme Buds Air: primo hands on e lancio previsto assieme a Realme X50 5G

Il settore delle cuffiette true wireless si popola sempre più di proposte di brand più o meno famosi, più o meno affidabili e quindi non poteva mancare anche la personale versione di Realme che ha da poco presentato sul mercato le Buds Air (nome originalissimo), una copia più o meno spudorata di quanto Apple ha già immesso sul mercato ormai da tempo, ma che a differenza delle Airpods propone colorazioni più appetibili, come il nero ed il giallo oltre che al classici bianco.

Il prezzo di lancio è stato fissato a 399 yuan, pari a circa 50 euro al cambio attuale, mosse da un chip R1 ed un modulo Bluetooth 5.0, così come sono presenti alcune gesture ed il supporto a Google Assistant, il che induce a pensare che presto le Realme Buds Air invaderanno anche il mercato internazionale oltre che quello cinese.  Nonostante la presentazione ufficiale però manca una data di commercializzazione, che secondo le ultime indiscrezioni dovrebbe avvenire i primi giorni del prossimo mese, ossia gennaio 2020 in coincidenza del nuovo Realme X50 5G.

In attesa di ciò, possiamo però cominciare a fare una prima conoscenza grazie agli amici della community Realme, che hanno condiviso un veloce unboxing della versione gialla, la variante più giovanile delle Realme Buds Air.

Realme Buds Air: primo hands on e lancio previsto assieme a Realme X50 5G

Il box di vendita si presenta in un classico cartonato nella colorazione delle cuffiette scelte, dove viene riportato anche il logo Realme, il nome del prodotto nonchè l’immagine esemplicativa delle cuffiette TWS. Sul retro invece troviamo le caratteristiche principali, quali la presenza della ricarica wireless, doppo microfono per la cancellazione del rumore (passiva), Driver Dynamic Bass Boost con codec AAC, connessione veloce grazie al Bluetooth 5.0, latenza minima e presenza del sensore play/pausa automatica (in pratica vi basterà sfilarle dalle orecchie per mettere in pausa la traccia musicale oppure far ripartire la riproduzione una volta indossate).

Una volta aperta la confezione ci verrà mostrato il case di ricarica alloggiato in un vano dove sotto troviamo anche il resto della dotazione che si compone di un manuale d’istruzioni e cavo di ricarica Type-C, con una chicca di stile: i pin metallici delle porte USB e Type-C sono in colorazione gialla, come le cuffie Realme Buds Air.

Il materiale utilizzato per il case di ricarica, così come per le cuffiette è plastica ABS di tipo lucido. Nella parte inferiore troviamo l’ingresso di ricarica Type-C e le certificazioni degli enti tecnologici. Sempre sulla parte posteriore troviamo la cerniera, sempre in plastica e la scritta “Designed by Realme”. Un chiaro riferimento alla mela morsicata? Passando al frontale troviamo un pulsante che servirà all’associazione con lo smartphone ed un piccolo LED attestante lo stato di carica del case e cuffiette, una volta inserite nell’alloggio prestabilito.

Purtroppo gli amici della community Realme non si esprimono circa il coperchio, se con chiusura magnetica oppure semplicemente ad incastro (speriamo nella prima soluzione). Le Realme Buds Air non sembrano riportare alcuna scritta, nè loghi ma semplicemente sul gambo troviamo la presenza di un microfono mentre il secondo è posizionato subito sotto la cassa del driver. Nella parte inferiore del gambo inoltre troviamo due pin magnetici che dovrebbero garantire una posizione salda all’interno del cofanetto di ricarica.

Naturalmente la parte interessante sarà quella di scoprire come realmente suonano queste Realme Buds Air e che resa hanno in chiamata. Ennesimo clone delle Airpods o no, la proposta di Realme è senz’altro intrigante in vista del prezzo, considerando che alla cifra di vendita troviamo spesso e volentieri dei veri e propri scassoni. Non ci resta che provarle, quindi un bell’incoraggiamento da parte vostra mettendo un bel MI PIACE alla nostra pagina Facebook.

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments