OPPO si aggiudica due primi posti nella categoria dedicata all’AI al CVPR 2020

Buone nuove da OPPO che ha appena ricevuto diversi premi al Computer Vision and Pattern Recognition Conference (CVPR) 2020. Il marchio cinese che negli ultimi anni ha conquistato anche il resto del mondo ha dimostrato di essere un leader in ambito tecnologico d’innovazione, in particolare nello sviluppo dell’IA, oltre a presentare un nuovo dipartimento di Percezione e Interazione Intelligente, ideato per esplorare le tecnologie di intelligenza artificiale all’interno del proprio Research Institute.

OPPO si aggiudica due primi posti nella categoria dedicata all’AI al CVPR 2020

OPPO CVPR

OPPO comunica che il brand ha avuto successo in tre concorsi, ottenendo due primi posti e due terzi posti nelle Challenges CVPR 2020. Le tecnologie che sono state premiate includono quella di “perceptual extreme super-resolution technology” (quella in grado di rendere una foto sfocata 16 volte più nitida in modo naturale); la “localizzazione visiva” (capace di individuare dove la foto sia stata scattata analizzando l’immagine) e il riconoscimento dell’attività umana nei video.

Siamo molto orgogliosi di aver ottenuto risultati così notevoli per conto di OPPO nelle prove CVPR di quest’anno, che riflettono tre dei nostri principali ambiti di ricerca, ovvero la percezione ambientale, l’informatica basata sull’uomo e la generazione di immagini/video. Questa è la prima dimostrazione pubblica dei risultati delle nostre attività di ricerca e sviluppo dall’istituzione dell’Intelligent Perception and Interaction Research Department OPPO, che rappresenta pienamente anche la forza del brand nel campo dell’IA.

Eric Guo, Ricercatore Capo del dipartimento di Percezione Intelligente di OPPO

Sempre Eric Guo ha inoltre aggiunto:

è risaputo che le invenzioni del mouse e dell’interfaccia grafica utente hanno contribuito al successo del personal computer, come il touch screen merita molto credito per il rapido
successo degli smartphone. Infatti, ogni volta che la modalità di interazione uomo-macchina e la tecnologia della percezione intelligente evolvono, conducono a una nuova tendenza tecnologica. È per questo che noi di OPPO ci impegniamo per rendere i dispositivi intelligenti più intelligenti, in modo che siano capaci di comprendere al meglio gli utenti. Saremo quindi in grado di sviluppare un nuovo metodo di interazione uomo-macchina per guidare la prossima ondata di progresso tecnologico.

Eric Guo, Ricercatore Capo del dipartimento di Percezione Intelligente di OPPO

OPPO si aggiudica due primi posti nella categoria dedicata all’AI al CVPR 2020

Andiamo quindi a vedere queste tre sfide da vicino.

Sfida percettiva estrema di super-risoluzione

OPPO CVPR

Durante questa prova, il team di ricerca di OPPO Research è stato incaricato di risolvere il problema della super-risoluzione percettiva estrema per singola immagine con un fattore di ingrandimento x 16. L’obiettivo è quello di ottenere un modello in grado di produrre risultati ad alta risoluzione con la migliore qualità percettiva e somiglianza con la verità di base. Il team ha sviluppato e dimostrato l’;efficacia della propria rete neurale chiamata RFB-ERSGAN, battendo altri 280 partecipanti con la sua analisi più intelligente, il calcolo più efficiente e metodi più diversificati, conquistando alla fine il primo posto tra i team di Facebook, Baidu, Microsoft, Amazon e l’Accademia delle Scienze Cinese.

La sfida della localizzazione visiva per i dispositivi portatili

OPPO CVPR

OPPO sviluppa applicazioni IA per analizzare immagini da diverse dimensioni Con un primo posto nella localizzazione visiva in esterna (Aachen Day-Night) e un terzo posto nella
localizzazione visiva per interni (InLoc), OPPO ha creato una pipeline di localizzazione visiva monoculare che sfrutta i segnali semantici e di profondità per trovare la posizione precisa di qualsiasi
immagine di riferimento. Superando un ostacolo principale per molte applicazioni di computer vision, che consiste nell’identificare ed eliminare una quantità significativa di risultati non corretti, questo metodo si è dimostrato all’avanguardia grazie a una solida sperimentazione.

Rilevamento dell’attività umana all’interno di video estesi

OPPO CVPR

Per rispondere a questa sfida che incoraggia la progettazione di algoritmi di rilevazione automatica delle attività e aggiudicarsi quindi il terzo posto nella prova relativa alla rilevazione delle attività nei video estesi, OPPO ha sviluppato i propri algoritmi per identificare e riorganizzare in modo efficiente i personaggi in ogni fotogramma e riconoscere in questo modo decine di attività umane all’interno di video dinamici complessi. In futuro, questa tecnologia rivestirà un ruolo importante nel campo dell’interazione uomo-macchina e dell’analisi video sportiva.

Che dire, OPPO continua a sorprenderci con sempre più riconoscimenti a livello internazionale. Un paio di settimane fa avevamo infatti anche riportato dell’entrata del brand nel progetto OpenChain come primo membro platinum proveniente dalla Cina. Cosa ci riserva il futuro? Continuate a seguirci per scoprirlo insieme a noi!

Fonte | OPPO PR Team

0 0 vote
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments